Search for
 

 

   SPAM STORY

     SPAM STORY

SPAM STORY

SPAM STORY

SPAM STORY

 

SPAM STORY

SPAM STORY

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 



 

 Spam-Story

soirée

 

Domenica 28 novembre presso il Caffé Letterario Mangiaparole in Via Manlio Capitolino, 7/9 (Furio Camillo), oltre 20 fra scrittori, artisti e critici esprimono il loro senso Spam per l’Arte.

 Come spesso capita, i messaggi SPAM non hanno una valenza propria, non sono qualcosa di definito e definibile. A delimitarne la natura, infatti, è l’atteggiamento di diffidenza - se non addirittura di repulsione - di coloro che ricevono il messaggio: non ne conoscono la fonte, non se lo aspettano, li disturba perché non sanno cosa farne e come utilizzarlo”.   

 Da questa parziale definizione di Spam,Vittorio Pavoncello parte e, insieme a  edizioni  “Progetto Cultura”, crea una serata e un’idea di manifesto culturale per dare espressione e volto a quegli artisti che attraverso la loro scrittura (sia essa prosa o poesia), la loro pittura o la videoarte danno forma e corpo a tutto ciò che apparentemente non ci appartiene, rimane ai margini di noi e, contemporaneamente, ci invade ogni giorno come foglie secche.

 Tutto ha inizio con un romanzo, Spam Story di Vittorio Pavoncello (Edizioni Progetto Cultura, 2009) nel quale sono raccolte le numerose e-mail arrivate sul  computer dell’autore. L’apparente disordine di arrivo delle e-mail ricostruisce la storia di Claro, danzatore, che un grave incidente costringe a cambiare vita. Decisione che tuttavia influisce sulle persone che incontra o reincontra lungo il suo nuovo viaggio, quello del ritorno.  

 Si parte da questo testo come riferimento per la serata di Spam Story, ma tante saranno le voci che si alterneranno e cercheranno di dare spessore al connubio, dai connotati paradossali, rappresentato da Spam e da Art.

 L’evento avrà inizio alle 18:30 per terminare alle 22:00, una maratona culturale poliedrica per dare spazio anche a quell’arte che sembra non rispettare certi criteri estetici e di mercato ma che potrebbe schiudere le porte verso nuovi orizzonti e possibilità espressive.

 

 Artisti partecipanti

 

Letteratura: Adriano Marenco, Vittorio Pavoncello, Rita  Porretto, Mario Ricotta,

Poesia: Francesca Bellino, Deborah D’Agostino, Francesco Onìrige, Danilo Pugnalini, Michela Zanarella

Arte: Mauro Bellucci, Virginia Carbonelli, Gabriella Di Trani, Marco Ferri, Stefano Frasca, Salvatore Giunta, Lughia, Teresa Mancini, Mauro Molle, Giuseppe Salerno,

Video: Artekreativa, Gabriel Zagni, Gruppo Sinestetico

Critica:Massimiliano Borrelli, Donatella Orecchia

Audio: Vittorio Pavoncello

Moda: Cinzia dell’Omo, Martina Pavoncello Giordana

Performance: Artekreativa, Perifezie, RoRocchi

Musica: Davide Alivernini Solo Project

Attori: Giuseppe Lorin, Mario Palmieri

Attrice: Federica Fiorillo

 

Ufficio Stampa:  Simona Zecchi  simozecchi@gmail.com

 

Domenica 28 novembre dalle 18.30 alle 22.00 Caffé Letterario Mangiaparole

Via Manlio Capitolino 7/9 (M Furio Camillo) tel: 0697841027 info@mangiaparole.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giuseppe Lorin legge lo Spam Postino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LE NUOVE FRONTIERE DELLA SPAM-ART

(PER UN MANIFESTO DELLA SPAM-ART)

 

Ha senso parlare di SPAM-ART oppure i due termini sono del tutto inconciliabili?

Apparentemente sembrerebbero inconciliabili: possono mai assumere connotati “artistici” le diverse manifestazioni di SPAM che il senso comune associa a forme di comunicazione negative, se non proprio pericolose, almeno indesiderate?

 

Ma cerchiamo di approfondire il fenomeno oltre l’apparenza del senso comune.

In realtà, come spesso capita, i messaggi SPAM non hanno una valenza propria, non sono qualcosa di definito e definibile. A delimitarne la natura, infatti, è l’atteggiamento di diffidenza - se non addirittura di repulsione - di coloro che ricevono il messaggio: non ne conoscono la fonte, non se lo aspettano, li disturba perché non sanno cosa farne e come utilizzarlo.

 

Il naturale passaggio successivo diventa: visto che non si possono eliminare, almeno come difendersi dagli SPAM?

Ecco allora spuntare i filtri, che classificano come SPAM tutti quei messaggi non conformi all’ortodossia della comunicazione elettronica, per anomalie di composizione e di configurazione.

Il risultato dunque è che, attraverso questi filtri, rischiano di diventare SPAM anche messaggi che, all’origine, tali non sono.

 

Allora?

Come si vede, i contorni della questione cominciano a sfumarsi…

Chi può dire, ad esempio, se le maglie dei filtri che delimitano i contorni dell’ARTE in senso tradizionale (convenzionale) sono diventati talmente stretti da eliminare alla radice i possibili risvolti “artistici” di tutte quelle manifestazioni (culturali) di ultima generazione?

Se così fosse - e il sospetto che possa essere veramente così pare legittimo - vere e proprie manifestazioni artistiche potrebbero essere considerate, allora, anche alcune forme espressive classificate  (in via convenzionale) come SPAM.

 

A ben guardare, poi, la natura di queste forme espressive ha molti più punti in comune con l’ARTE di quanto possa sembrare a prima vista.

Innanzitutto il connotato di universalità. Le forme espressive di SPAM, alla stregua delle manifestazioni artistiche, non hanno la finalità di raggiungere un destinatario ben preciso e identificabile. Gli SPAM, infatti, vagano nella rete elettronica e cercano di occuparne tutti gli angoli, al di fuori della dimensione spazio-tempo, esattamente come i fenomeni artistici allo stato puro.

 

Gli SPAM, inoltre, presentano gli elementi fondanti di una nuova cultura globalizzata rivolta alla massa indistinta, alla collettività intera senza selezione e distinzioni. Proprio in quanto “scartati” e “allontanati” dal sistema (della rete elettronica), i messaggi SPAM condividono la sorte delle “vite gettate”, delle “storie rifiutate”, delle “esperienze insignificanti” e delle “persone non riconosciute” (desaparecidos in senso doppio: sia come mittenti che come destinatari) dal sistema (della rete sociale).

 

I messaggi SPAM, infine, hanno una loro specifica “vetrina”, allo stesso modo delle diverse manifestazioni artistiche.

Gli SPAM, infatti, generalmente sono conservati in apposite cartelle di posta elettronica: una “vetrina” (sia pure oscurata) da cui possono sempre essere recuperati, visionati e, all’occorrenza, riordinati.

 

Sì, addirittura “riordinati”!

Chi può negare con assoluta certezza che i messaggi SPAM siano, in realtà, pezzi di un gigantesco “puzzle” lanciati nella rete da una mano (intelligenza?) superiore?

Se così fosse, quale sarebbe il significato del “puzzle” pazientemente “ricucito” e “incollato”?

Quali e quante sarebbero le combinazioni possibili per dare “logica” e “razionalità” artistica a messaggi singoli apparentemente sconnessi?

Chi può dire che i possibili risultati finali di questo “puzzle” di SPAM non siano vere e proprie opere d’ARTE e che, fra queste, possa nascondersi l’opera d’ARTE massima?