Search for
 
 

   

 

  SILVIA CUTRERA  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Manipolazione del futuro


                                                                                           di Silvia Cutrera

(presidente dell’AVI di Roma)


La presentazione di questo libro ci offre l’opportunità di estendere il nostro pensiero e la nostra riflessione a questioni filosofiche e scientifiche che riguardano la natura e sostanza dell’essere umano, argomento che nei secoli ha appassionato numerosi e illustri personaggi, alcuni dei quali – considerati eretici e puniti con roghi e scomuniche – testimoniano che il rapporto tra Religione e Scienza è stato spesso costellato da conflitti e contrapposizioni.
Oggi, l’irrompere sulla scena di importanti scoperte scientifiche, quali la mappatura del genoma umano, la diagnosi e la cura di malattie un tempo mortali, il trapianto di organi, l’impiego delle cellule staminali richiede codici di comportamento che non violino i diritti umani in tema di nascita, riproduzione e fine vita.
Trasferito sul piano etico, il confronto tra Religione e Scienza ripropone da una parte la questione della sacralità e dell’indisponibilità della vita, dall’altra – fermo restando il riconoscimento del valore sacro della vita stesa – la necessità di mantenere la libertà della ricerca, l’autonomia della persona e l’autodeterminazione.
Questi temi interessano assai da vicino le persone con disabilità, spesso destinatarie di interventi volti a migliorarne la qualità della vita, grazie a nuove tecnologie e terapie avanzate, ma anche “oggetto” di discussione in termini di valore della vita e diritto ad esistere.
Viviamo in una società  che vuole essere efficiente e produttiva, ma sempre meno incline a soddisfare i bisogni sociali, per mancanza di volontà politica e risorse economiche. Sacrificare i soggetti più deboli è pratica antica, riproposta con altre strategie da chi oggi, potendo contare su  situazioni in cui economia e politica sono ben integrate, legittima approcci biopolitici.
Indagini prenatali, diagnosi preimpianto e manipolazioni genetiche possono evocare sinistri fantasmi eugenetici, ma è irrealistico abbandonare l’innovazione scientifica: siamo incardinati nella modernità e nel progresso, non dobbiamo temere di non essere in grado di tutelare i diritti umani.
Il nostro auspicio è quindi che oltre a difendere diritti e identità acquisite, si sia in grado di favorire una cultura che renda consapevoli del valore della vita, della capacità di resistenza e forza creatrice e delle opportunità che la conoscenza offre.
Il libro di Vittorio Pavoncello è un invito a pensare il significato e lo scopo dell’esistenza, partendo da alcune pagine della Bibbia, ripercorrendo il viaggio dell’essere umano nell’Universo, dalla sua creazione al desiderio di conoscenza verso una possibile immortalità: «Possiamo e dobbiamo – vi si scrive – immaginare come le società sarebbero costrette a rivedere tutti i loro rapporti affettivi, economici, progettuali, non più coartati dalla Morte e dal dover morire?».
Pavoncello utilizza punti di vista molteplici, interpreta le metafore bibliche con suggestioni ardite: «E se la Bibbia non fosse in disaccordo con la manipolazione genetica e l’avesse in un certo qual modo rivelata nel suo farsi? Forse la costola di Adamo era una cellula staminale? E l’essere diventati “uomini di polvere” dopo aver mangiato dall’albero della conoscenza, non ha precluso il divenire uomini di particelle seppure un uomo di particelle dovrà continuare a misurarsi con la sua più costante domanda: chi gira la clessidra? E se la clessidra dovesse rompersi?».
Domande aperte, ma resta l’ammirazione e la fiducia per questo “uomo di polvere” dotato di libertà e potere, capace di creare e trasformare le cose e resistere a forme di dominio, anche divino.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Silvia Cutrera  Laureata in Scienze  Politiche  Ha lavorato per alcuni anni presso la Corte dei Conti sede di Milano

Ha  fatto parte   dal 2002 – 2007 del Componente Direttivo Associazione Paraplegici Roma-Lazio

Attualmente  Presidente dell’Associazione di volontariato AVI onlus Agenzia per la Vita Indipendente di Roma

www.vitaindipendente.net

 

                           silvia cutrera