Search for
 
 

         

FULVIA CARDELLA

Rome Art Week 2017

 

Entrare nello studio di un’artista è come entrare in luogo intimo, quasi privato, molto vicino a un boudoir ma è anche una fucina di Vulcano, dove sono molte le opere incompiute, insieme al progetto a cui l’artista sta lavorando in quel momento, che ci colpiscono e distraggono da noi

Lo studio di Fulvia Cardella è quindi un misto fra opere molto curate e progetti in disparte, cresciuto e quasi avvolto dal verde di un giardino adiacente che sembra a volte voler invadere e coprire le opere.

E proprio da questo rapporto uomo natura si vede il primo dei suoi lavori: una enorme ciotola levigata in cemento armato che sta davanti alla porta d’ingresso un po’ sbreccata e con i tondini di ferro a vista. Al centro di questa forma concava nel tempo e con il tempo è cresciuta spontaneamente una piccola isola verde, formata dal terriccio e da erbe selvagge.  Fulvia Cardella fotografa di tanto e tanto questa isola felice dentro la forma di cemento facendo dello sviluppo delle piantine una specie di calendario e di orologio delle giornate.

Le foto le troviamo all’interno dello studio per consultare questo archivio del passato, di quando noi in quello spazio non c’eravamo ancora, mentre ora vediamo quello c’è.

Lo studio d’artista si presta bene a ciò che Barthes definisce lo studium: lo studium cioè la realtà sociale, quello che è rappresentato nell’immagine, è il contenuto della foto, gli elementi che la compongono.

E, quindi, nello studium di Fulvia Cardella nell’immagine complessiva che subito ci appare dopo essere stati accolti dalla grande ciotola è un paesaggio dell’anima quello che ci accoglie. Ectplasmi, slabbrature di colore, colate di materia disciolta dove primeggiano i colori neri, i bruni, e le varie sfumature di questi colori fino alla trasparenza, si posano su dei vetri dove sono stampate le foto. Ad accentuare questo stato nebbioso, questo camminare senza pietre miliari, ne appigli per la ragione, è l’allestimento scelto per mostrare queste lastre di vetro impressionate.  Lasciate pendere e sorrette da fili trasparenti, gettano la loro ombra sulle pareti bianche. E sono ombre che fanno spiccare un’altra vacuità, come se le ombre fossero prodotte loro stesse da ombre. Ogni tanto, in alcune lastre di vetro appare una finestra che non lascia vedere nessun altrove, dove appaiono alcune foglie, rametti che spuntati all’improvviso sembrano suggerire che presto divoreranno quella parvenza di oggetto. Come se la natura, nella sua rigogliosa potenza creatrice, lasciasse poco spazio agli oggetti e alla natura umana se lasciata libera a se stessa.

In mezzo a questo molteplice caleidoscopio, ed un vero caleidoscopio è presente nello studium costruito dall’artista, ci sono bianchissime forme in marmo, levigatissime e che fluttuano nell’aria. Sono queste isole leggerissime, nelle quale le emozioni e il pensiero si possono lasciar cullare godendo della infinita leggerezza. Ma anche questo è un sogno, anzi, è propriamente il sogno, perché altre ciotole in marmo, finissime e levigatissime mostrano punti di rottura, squarci, assenze. La forma perfetta non esiste, sembra volerci suggerire Fulvia Cardella. La forma si può lavorare quanto si vuole per renderla soggetta alla nostra volontà e desideri ma alla fine si rompe, si frantuma, si usura, in un qualche punto che non avremmo immaginato e che rende l’oggetto, anche il più costruito, un paradossale esempio di incompletezza, di assenza.

Emblematico di questo studium d’artista e che si trasforma poi in ciò Barthes definisce punctum: il punctum, ciò che mi coinvolge in una fotografia, la ferita che suscita in me. È il momento in cui l’immagine mi guarda e agisce sulla mia memoria, agisce su di me.

E’ una specie di gabbietta in legno che poggia su gambe di legno che la tengono alzata a circa un metro e mezzo da terra. La gabbia per ogni lato ha una rete che la fa sembrare una voliera, nel tetto di questa voliera con la tramatura più grossa sono poggiate delle foglie e sotto, dentro la gabbia, tenuta da una rete a maglia fitta fitta c’è della polvere che sembra il filtraggio delle foglie di superfice. La gabbietta per fortuna è aperta anche se ciò che può scappare e volarsene via è della polvere. Polvere che potrebbe andare ad impressionarsi su delle lastre di vetro, oppure andare a formare il terriccio che serve a formare un’isola verde, dentro una ciotola di cemento... E tutto ricomincia.

Vittorio Pavoncello

IMG_20171013_184457 IMG_20171013_184506 IMG_20171013_184516 IMG_20171013_184537 IMG_20171013_184550 IMG_20171013_184600 IMG_20171013_184636 IMG_20171013_184931 IMG_20171013_184954 IMG_20171013_184708 jquery lightbox not workingby VisualLightBox.com v6.0

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

fulvia_cardella

Interno 14: "Drosophila Melanogaster" di Massimo Napoli