Search for
 
 

   

 

  SILVIA CUTRERA  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Creatività audiovisiva per Friedrich Zawrel

 

Realtà diversa e minoritaria, sebbene  riguardi l’intera umanità, la disabilità è condizione verso la quale persistono  discriminazioni e pregiudizi. L’ origine dello stigma ha radici lontane. Secondo il mito greco, tramandatoci dallo storico Plutarco, nell’antica Sparta, i neonati venivano esaminati dagli anziani e se giudicati deboli o non fisicamente idonei, abbandonati a morire sul Monte Taigeto.Tuttavia questa teoria, non supportata da scavi archeologici, è stata recentemente smentita dallo studio dell'antropologo Tehodoro Pitsios della Facoltà di Medicina di Atene, il quale ha appurato che tutti i resti umani ritrovati nell'area del Monte appartenevano a individui di sesso maschile di età compresa tra i 18 e i 35 anni. Ma limitandoci a periodi storici  più vicini, troviamo che concetti economici quali “utilità” e “inutilità”, nati all’inizio della Rivoluzione industriale e applicati all’uomo, hanno avuto un ruolo fondamentale nel condizionare il diritto all’uguaglianza sociale,  raggiungendo l’apice durante il nazismo con la persecuzione nei confronti delle persone con disabilità, considerate vite indegne di essere vissute.

Utilizzando il documentario, come mezzo di espressione creativa, abbiamo voluto raccontare una storia poco conosciuta che si svolge a Vienna negli anni ’40 e ha come protagonista Friedrich Zawrel che all’epoca dei fatti è un ragazzo considerato diverso, un asozialen, colpevole di non rientrare nei parametri stabiliti dal nazismo per l’appartenenza alla razza superiore.

Intervistato nel 2007, nello stesso ospedale un tempo teatro della sua prigionia e torture, Zawrel con la sua narrazione è il protagonista di questo documentario, testimone involontario del programma di “eutanasia selvaggia” cioè l’uccisione dei disabili ricoverati nello Spiegelgrund.

Il racconto, attraverso le parole, l’espressione del viso, la voce, acquista spessore e profondità creando un contesto emozionale che favorisce la conoscenza e approfondimento del tema. L’indagine, facilitata dallo strumento audiovisivo, si avvale di materiali d’archivio, voci fuori campo e suoni, con l’obiettivo di raggiungere soprattutto le nuove generazioni, i cosiddetti “nativi digitali” a cui è dedicata questa  lezione di storia.

 

Vite indegne di Silvia Cutrera prodotto da Agenzia per la Vita Indipendente onlus – Roma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Silvia Cutrera  Laureata in Scienze  Politiche  Ha lavorato per alcuni anni presso la Corte dei Conti sede di Milano

Ha  fatto parte   dal 2002 – 2007 del Componente Direttivo Associazione Paraplegici Roma-Lazio

Attualmente  Presidente dell’Associazione di volontariato AVI onlus Agenzia per la Vita Indipendente di Roma

www.vitaindipendente.net