Search for
 

 

 

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Impalcature


di
Paolo Parisi Presicce

 

Il titolo di questo libro ci fornisce subito alcune indicazioni sulla sua struttura e percorso. Le impalcature servono per costruire, edificare, sono un sostegno per una logistica del fabbricare. La caratteristica delle impalcature sta che una volta che l’opera sarà completata queste scompariranno per lasciare ampio spazio al soggetto edificato, in questo caso il romanzo o lo scrivere la narrazione. Come tutte le cose anche le impalcature subiscono i limiti e le estensioni della storia dei materiali e sebbene alcuni principi possano essere ancora gli stessi c’è una differenza profonda nella costruzione delle piramidi, per passare agli acquedotti romani attraversando le cattedrali gotiche per arrivare ai grattacieli del XX secolo. Paolo Parisi Presicce sembra, invece, aver privilegiato un punto di vista originale e per niente suscettibile di subire le erosioni e il degrado della storia. La narrazione, ci dice l’autore è un modo di descrivere il tempo, di organizzare il tempo, di cercare di sottometterlo quando questo sembra già pronto a schiacciarci, di vivere il tempo mentre questo scompare come fosse una impalcatura, appunto.

Il libro si compone di molti capitoli quasi una sequenze di minuti, mezze ore, giornate, e quindi non si può leggere tutto di un fiato perché non è un romanzo ma un modo per poter comprendere meglio cosa sia il narrare. Anche il linguaggio a volte non sembra facilitare la lettura ma è anche questa una sua specificità come se fosse un annodarsi di bulloni, tubi, che rimandano a tubi e ad altri bulloni di cui ogni parte ben poco sa del suo compito ed a cosa servirà. Potrebbe essere questa ancora un’altra condizione e chiave della nostra contemporaneità: l’alienazione.  E non siamo forse privati e alienati dal tempo, nel tempo e con il tempo? Quindi la narrazione e la lettura o ascolto non sono semplici intrattenimenti per passare o perdere tempo ma ci mettono in rapporto con le strutture più essenziali di noi. Anche se poi alla chiusura di un libro tutto sparirà avrà permesso di edificare in noi una vita che meritava di essere vissuta.

 

Redazione Voltapagina

Vittorio Pavoncello

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

impalcature 

Impalcature.

Teorie e pratiche della narratività,

di Paolo Parisi Presicce

MIMESIS EDIZIONI 2017

 

 

 

Paolo Parisi Presicce è nato a Pescara, si è laureato a Bologna e al momento abita a Roma, dopo aver viaggiato molto in Italia e all’estero. Ha lavorato nel cinema e in televisione, realizzando anche diversi documentari per l’ONU. Ha insegnato alla Penn State University, alla Iowa State University, in diverse scuole professionali di cinema e in licei. Scrive sceneggiature, racconti e poesie.